Italieni: Massimo Mattioli al Musée d’Angouleme

Massimo Mattioli è uno dei maggiori autori – A maiuscola, prego – che l’Italia abbia dato al fumetto nell’arco delle ultime due generazioni. Anche se della sua opera si parla di rado – in Italia, almeno.

Periodicamente, in Francia, si torna invece a mostrare un forte interesse critico per il suo lavoro. D’altra parte, è lì e non in Italia che negli ultimi 10 anni sono stati pubblicati ben 4 volumi, da Awop-bop-aloobop Alop-bam-boom a M il Mago a Squeak the Mouse.

L’episodio più recente riguarda Thierry Groensteen, che ha parlato di Mattioli in un libro che accompagna un’imminente mostra (per il Museo del Fumetto di Angouleme) dedicata al tema della parodia.

L’argomento non è certo nuovo (per chi volesse vederlo indagato altrove, per esempio al cinema, suggerisco un lavoro di Roy Menarini). Così come è classica la chiave di lettura usata da Groensteen: la parodia come genere meta-testuale.

Ma al di là delle osservazioni su temi che, grazie all’approccio parodistico, Mattioli è riuscito a legittimare in pubblicazioni per bambini (sesso, violenza), alcune parole interessanti emergono da una nota su Pinky, totalmente sconosciuto in Francia. Scrive Groensteen sul suo blog:

Ciò che colpisce in Pinky, è innanzitutto la rapidità di una narrazione che non si concede tempi morti. L’eroe è sempre alla ricerca di scoop per il suo quotidiano, « La Notizia », e noi lo seguiamo nelle sue indagini attraverso la città, ove l’avventura si nasconde dietro ogni angolo. Mattioli va veloce, le sue storie non hanno nulla di troppo, i personaggi sono iperespressivi e lo humour è onnipresente.

Ritmo, ritmo, ritmo. Al di là dell’umorismo e del registro parodistico, la lezione di Mattioli mi sembra proprio in questo: un magistrale talento nella costruzione ritmica delle pagine. Un talento che è insieme musicale e teatrale, in grado di assorbire la propensione di Mattioli all’astrazione figurativa all’interno di una cadenza tutta visiva delle relazioni tra vignette.

Parodies : La bande dessinée au second degré:

Una Risposta

  1. […] della mostra Parodies, organizzata dal Museo del Fumetto di Angouleme (ne avevo accennato qui). Seguitemi due minuti e mi […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: