Giappone, regno della parodia

La notizia di ieri sulla chiusura del Winter Comiket, mi ha fatto tornare in mente – cosa non combinano le associazioni di idee – un libro recente: il catalogo/saggio della mostra Parodies, organizzata dal Museo del Fumetto di Angouleme, e che inaugurerà domani (ne avevo accennato qui). Seguitemi due minuti e mi spiego.

Nel volume l’autore, Thierry Groensteen, passa in rassegna il tema compiendo una canonica ricognizione storica, mescolata a carotaggi vari su alcuni generi e casi, e articolando quindi una ampia rassegna nei seguenti capitoli:

  • Elementi per una storia della parodia nel fumetto
  • Mad: l’istituzione parodica
  • Quando i supereroi non sono seri
  • Gotlib a parte
  • L’età della trasgressione
  • Tintin e i pirati
  • La parodia di genere
  • Su alcuni procedimenti notevoli
  • Tendenze contemporanee
  • Autoparodie

Constatazione: nessun capitolo è dedicato al Giappone. E per fortuna: trovo sempre più difficile sostenere la legittimità di una visione geopolitica “per blocchi contrapposti”, nella storiografia del fumetto. Ma il problema è che di Giappone, proprio, non c’è traccia. E il problema è molto, molto rilevante. Perché Giappone è la patria del vasto fenomeno dei dōjinshi manga. Basti leggere Wikipedia:

dōjinshi are often, though not always, parodies or alternative storylines involving the worlds of popular manga, game or anime series, and can often feature overtly sexual material.

Ovvero: i dōjinshi sono parodie, in gran parte. E il punto è che essi hanno un peso economico e culturale cruciale, nel mondo del manga. Ecco il legame con la notizia di ieri: sono il principale oggetto in vendita proprio al Comiket, il più frequentato evento fumettistico al mondo. Ma sappiamo anche che, nella storia del fumetto, essi hanno giocato un ruolo significativo che va oltre il Comiket (che non è certo una “isola grassroot” nell’oceano del “corporate manga”, sia chiaro – basti googlare la parola dōjinshi) come aggregatore sociale di pubblici dispersi, ma anche nel porsi come opportunità creative e produttive per sviluppare temi e stilemi, e per accogliere talenti, sia in erba e ignoti, sia già affermati.

Da un lato, dunque, questa assenza del dōjinshi dall’orizzonte della mostra/saggio francese è certamente una lacuna pesante, perché dimentica una fetta di produzione estesa e influente (da 40 anni il Giappone è il primo produttore mondiale di fumetti), sorta proprio intorno al ruolo strategico della parodia.

Dall’altro, ci ricorda un problema enorme che devono affrontare i fumettologi contemporanei: la necessità di integrare le conoscenze su scala globale. E la consapevolezza che si tratta di una sfida ancora agli inizi e piena di ostacoli, i cui esiti odierni sono minimi (o inesistenti).

Già. Forse, solo una prossima generazione avrà a disposizione conoscenze sufficienti per rappresentare, in modo compiuto, una storia e una mappatura critica del(la parodia nel) fumetto.

Siamo in Occidente, insomma – e facciamo tanta fatica, a volte.

2 Risposte

  1. Studiare, studiare, studiare…
    Leggere, leggere, leggere…
    Occorrerebbe ma…
    ci vorrebbe una vita o… un’altra vita (anche a volerlo fare)!🙂

    smok!

    • studiare, studiare, studiare – leggere, leggere, leggere. Starai mica alludendo a quel mestiere che si chiama “Ricerca”?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: