130 episodi dei Simpsons, INSIEME

Una di quelle follìe che fanno di YouTube un posto, semplicemente, interessante (e insieme assai futile):

via luca_barra

Annunci

Moebius, omaggio collettivo: Mattotti, Loustal, Avril, Juillard

Come ha raccontato Lorenzo Mattotti, ci fu un periodo in cui Moebius si incontrò tutti i mesi per disegnare insieme ad alcuni colleghi autori: Francois Avril, Jacques de Loustal, André Juillard e lo stesso Mattotti.

Per omaggiare lo scomparso Moebius, i quattro si sono ritrovati a disegnare un’ultima tavola insieme, pubblicata dal settimanale Paris Match la scorsa settimana:

via Lorenzo Mattotti

La riforma sanitaria USA, disegnata

Il principale consulente del governo Obama sulla riforma sanitaria, l’economista Jonathan Gruber, ha pubblicato tre mesi fa il libro Health Care Reform: What it is, Why it’s Necessary, How it Works insieme al fumettista Nathan Schreiber.

Un modo inconsueto per spiegare la riforma, che i due hanno riproposto anche in forma di ‘animated lecture’, così:

 

Restituiteci la luce

Così si intitola la nuova canzone di Dominique A, uno dei più stimati cantautori pop francesi. Che per il video, così come per il design dell’intero cd, Vers les lueurs, ha collaborato con la fumettista italiana Gabriella Giandelli.

Già autore, qualche anno fa, di un bell’endorsement per Gabriella con l’inserimento di alcune sue tavole nel numero di “Les Inrockuptibles” da lui curato, Dominique A – appassionato fumettòfilo – aveva di recente scritto la prefazione per l’edizione francese di Interiorae.

Qualche immagine dall’album:

 

E qualche screenshot dal video:

Ascoltando il testo della canzone, l’associazione tra la musica e questi disegni mi è parsa proprio riuscita:

rendez-nous la lumière, rendez-nous la beauté

le monde était si beau, et nous l’avons caché…

Il videoclip, infine:

Auto, marketing, anime: le serie di Toyota e Subaru

Si diceva proprio oggi di alcune campagne di comunicazione promosse, in Italia, da marchi automobilistici e con al centro il fumetto o l’illustrazione. Tutto ciò accade però anche in Giappone. Con la sola differenza che da quelle parti le cose si fanno in grande. E in questo caso davvero per bene.

Toyota, il maggiore produttore di auto al mondo, ha infatti deciso di affidare la nuova comunicazione della linea Prius a un serie di ben 7 cortometraggi in animazione, di durata fra i 3 e i 4 minuti. Al centro della campagna, intitolata “PES: Peace Eco Smile”, ci sono le vetture ibride della gamma Prius, e in particolare la Prius Liftback e la Prius C hatchback (insieme ad altri modelli). I cortometraggi sono realizzati da nientepopodimeno che Studio 4°C, incluso lo stesso Koji Morimoto, che ha realizzato l’editing del primo corto, ovvero questo:

Anche il sito web, sebbene non sia altro che una vetrina – oltre al canale YouTube – della campagna, non è niente male. Altri dettagli li trovate qui.

Analoga operazione quella realizzata un anno fa da Subaru, con la serie “Wish upon the Pleiades“, ovvero 4 episodi da 6 minuti, realizzati in questo caso da (nientepopodimenoche) Studio Gainax. Altri dettagli su questa campagna li trovate per esempio qui, e il primo di quei corti è questo:

Insomma: in Giappone, aziende automobilistiche leader continuano a rivolgersi, per la propria comunicazione, ai leader nella creatività disegnata (in animazione).

Nel frattempo, dalle notre parti, Fiat ha deciso di non pubblicare un lavoro sulla 500 commissionato a Paolo Bacilieri.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: