La faccia di Wilhelm Busch

Che Wilhelm Busch sia uno dei giganti della storia del Fumetto, è cosa nota. Da qui a dargli un volto, però, ne passa. Finché non ho scoperto queste due foto, la prima del 1860 (con boccale di birra – nonsiamai), la seconda del 1878:

via Joan Navarro

 

Annunci

Ho letto ebooks: l’editoriale di Altan

Vacanze quasi finite. Cosa ho fatto di diverso dal solito? Forse solo una cosa: ho alleggerito il bagaglio, leggendo un bel tot di ebooks:

FotoStoria: Burne Hogarth a Lucca

Quaranta anni fa, nel 1971, a Lucca Comics fu ospite uno dei disegnatori più accademici – vero neoclassico – della storia del fumetto, apprezzato docente e autore della strips dedicata a Tarzan, Burne Hogarth:

via Joan Navarro

Quando un papà ama Calvin & Hobbes…

… può succedere che decida di disegnarlo, per decorare a mano la stanza del nuovo nato. Un buon esempio di fumettofilìa affettuosa:

via buzzfeed

 

[fanvid] Il Piccolo, tenero Batman

Non avevo ancora visto nulla di questo mini-cult online di qualche anno fa. E ‘mini’ non è una parola a caso, perché il film – un mediometraggio interamente amatoriale – ha per protagonisti un gruppuscolo di bimbi, che interpretano in modo splendido le avventure di Batman e Robin (e Joker, e Batwoman, e Riddler…), in un esplicito omaggio all’indimenticabile serie tv degli anni ’60.

Nel suo piccolo, un record di complessità, da parte di un fandom in grado di governare con grande equilibrio la dimensione degli affetti. Celebrazione, sorriso, ri-costruzione, gioco, studio e libertà di esprimere – senza tradire il prodotto-matrice – quella dolcezza infantile che (anche) del consumo di fumetto è (stata) parte.

Sarà il caldo, ma mi sono intenerito.

via ComicsAlliance

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: