Tadanori Sunday

Dopo avere mostrato alcuni video, un rapido ritorno sul folle e influente grafico giapponese Tadanori Yokoo, con alcuni dei suoi poster di illustrazione (quelli fondati su collage fotografici li vedete qui):

via Ajourneyroundmyskull

Annunci

Tadanori Yokoo vs. Guy Peellaert

Ritorniamo su Tadanori Yokoo. E stavolta è il turno di un videoclip creato [UPDATE: probabilmente da qualche fan] per l’album dei Kinks datato 1969, Arthur (Or The Rise And Fall Of The British Empire), tra i migliori album di fine anni ’60 (così dice il mio amico A.).

Ma soprattutto: con questo lavoro viene da pensare facilmente a Guy Peellaert, altro protagonista dell’estetica sixties nel disegno, tra illustrazione e fumetto. Un confronto naturale. Qui la clip di/da Yokoo:

Ed ecco il recente video dedicato alla classica Pravda, fumetto cult di Peellaert:

Sintesi della domenica: Peellaert è sempre stato il cugino fighetto di Yokoo.

Marilin Monroe? Alain Delon? Un anime cult del 1965

Ed è casual friday. Con un delirante video dell’ “Andy Warhol giapponese” Tadanori Yokoo, uno dei massimi grafici asiatici, interprete della linea di di Milton Glaser e Seymour Chwast, e protagonista anche di un vecchio cult movie di Nagisa Oshima, Diario di un ladro di Shinjuku, che raccontava l’allucinante storia di un genere di ladro per il quale proviamo simpatia: il ladro di libri.

Tadanori Yokoo (横尾忠則) – Kachi Kachi Yama (1965)

via Paolo Parisi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: