Sull’uso dei contenuti altrui (fumetti inclusi) online

A partire dalla disinvoltura di Repubblica nei confronti del lavoro del fumettista Makkox per il Post, Luca Sofri ha colto l’occasione per ri-scrivere sull’annosa questione dell’uso/abuso dei contenuti altrui online, qui.

Bene.

Ora che l’ho linkato. E ricordando che questo blog non ha finalità commerciali (non si vende traffico né si usa adv). E siccome anche l’informazione online sul fumetto pare ammorbata da queste pratiche (nessun stupore: verso la pirateria il fumetto è sempre stato lesto ed entusiasta). Insomma, per tutto ciò e per altro ancora, adesso posso brutalmente copiaincollarlo per dire che:

Si è ormai consolidata una consuetudine di rispettoso equilibrio tra la dimensione dei contenuti altrui che vengono riprodotti e l’evidenza del riconoscimento e dei link alla fonte: e così funzionano ormai aggregatori e siti di news che investono in un lavoro di selezione dei contenuti di qualità presenti in rete (come fa in Italia il Post, per esempio). Naturalmente prosperano anche moltissimi siti che di questo rispettoso equilibrio se ne fregano invece del tutto, riproducendo tal quali testi e immagini altrui senza aggiungervi niente, senza segnalare la fonte originale, o senza linkarla, che di solito è considerata la retribuzione minima e corretta per l’uso e la citazione di cose fatte da altri.

Infine ne estraggo, per ribadirli, i seguenti principi:

  • citazione parziale e moderata dei contenuti
  • link alle fonti
  • abbandono di qualunque pretesa di intangibilità dei propri, di contenuti

UPDATE: al di là dei princìpi, condivido anche il fatto che alcune ‘indicazioni di comportamento’ siano più utili di altre. E qui lascerei da parte la provocazione di Sofri sul “liberi tutti”, e con le parole di Mantellini (copiancollate-e-linkate, of course) direi:

Preferisco il cinismo americano del tipo “follow the money” che credo sia utile a stabilire un discrimine netto. Che secondo me potrebbe essere: tolleranza zero per i riutilizzi commerciali di qualsiasi contenuto non espressamente autorizzato (che ecceda ovviamente la normativa sul diritto di cronaca e di citazione) e ampia condivisione con attribuzione per qualsiasi contenuto (commerciale o non commerciale) fuori dalle logiche del business editoriale. Poi certo è tutto più complicato di così ma mi parrebbe un buon punto di partenza per tutti.

    Annunci

    Un posticino col disegnino (online)

    Forse lo sapete già. Da ieri è online Il Post. Un sito di informazione che mescola contenuti originali e non, come un aggregatore di blog evoluto e imbastardito con le logiche del giornalismo online. La mini-testata è diretta da Luca Sofri. Primo editoriale, primo disegnino di Gipi, qui.

    Mr. Luca, se leggi qua: mi raccomando, il disegno (l’illustrazione, il fumetto, ecc.) vedi di usarlo per benino. Gipi aiuta. Poi però bisogna lavorarci sodo, e con costanza. Come sulla fotografia, come sulle fonti, come sulla scrittura. Come su tutto quel che vuole fare/essere un progetto “piccolo e ambizioso”. A noi ci piacciono, i piccoli e ambiziosi (magari meno, quando fanno i presidenti del Consiglio). In bocca al lupo, dunque.

    A proposito di ambizioni. Giovanni Floris azzecca un titolo fumettologico per il suo primo intervento, dedicato alla spasmodica ricerca di nuovi poteri istituzionali da parte del premier: “Il premier coi superpoteri“.

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: