Taniguchi e il mangamarketing urbano

Marketing del territorio, usando il fumetto.

L’ennesimo esempio viene dal Giappone. L’ho scoperto seguendo via Twitter la brava giornalista Deb Aoki, in viaggio in Giappone, che ha postato su Instagram le seguenti foto del treno ‘Super Hakuto Express’, in servizio tra Kyoto, Tottori e Kurayoshi:

Immagine2Immagine1

Il punto, qui, è che Kurayoshi è il luogo in cui si svolgono le vicende di In una lontana città. E a quanto pare, quel manga è diventato parte a tutti gli effetti del marketing urbano locale.

Annunci

La città lontana che divenne vicina

L’adattamento cinematografico di In una lontana città, fumetto del giapponese Jiro Taniguchi, noto anche come “il mangaka sdoganato dalla critica”, è ormai nelle sale. In Francia, s’intende. E buon per lui, che quel paese ama da tempo. Un affetto per il quale è stato forse provvidenzialmente ricambiato, visto che nel suo Giappone non aveva ancora visto un proprio manga diventare film.

Al centro della storia troviamo Thomas, cinquantenne autore di fumetto disilluso e in piena stagnazione creativa, che pubblica presso Casterman (guarda un po’: l’editore di Taniguchi) una serie di mediocre successo. Per puro caso (eh vabbe’) sbaglia treno, e fa sosta nel paesello della sua infanzia, da cui mancava ormai da decenni. Com’è come non è, si ritrova nella pelle del se stesso ragazzino, in pieni anni 60, e in questo viaggio nel tempo – e nella memoria – rivive i primi amori, le dolci amicizie, la straniante esperienza di ripercorrere l’abbandono da parte del padre.

Che da un paesello giapponese si passi a un paesello francese, come dire, c’est la vie: realpolitik produttiva. Che peraltro al buon Taniguchi sarà parsa più un’opportunità che un rischio di fraintendimenti. Più inattesa, invece, la trasformazione del protagonista, che diventa un fumettista – di casa Casterman, peraltro (più che una mera allusione, un’ambigua forma di brand/product placement). Se penso alla casistica storica dei cinecomics, e se rifletto – con l’aiuto di Alfredo – sulla rappresentazione dell’autore, pare un curioso ribaltamento di abitudini consolidate.

In Italia la sua distribuzione è in mano a Bim. Intendiamoci, non che Sam Garbarski (Le Tango des Rachevski, Irina Palm) sia un regista da fremiti. Ma se passate da Parigi tra oggi e Natale, portatevi avanti.

Nel frattempo, eccovi un (bel) po’ di video. Innanzitutto, il trailer:

Ma in YouTube si scoprono anche un sacco di estratti:

Qualche testimonianza da regista e fumettista:

Bonus: alcuni frammenti ‘rubati’ dal set:

[Cinecomics OFF] In una lontana città by Jiro Taniguchi

Uno dei più noti manga di Jiro Taniguchi, In una lontana città, è anche un film, prodotto in Francia e diretto da Sam Gabarski, di prossima uscita nelle sale (forse anche in Italia?).

Da poche settimane è disponibile un primo trailer, anche se solo in lingua tedesca, qua sotto:

Qualche scena rubata dal set la trovate, invece, cliccando qui.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: