Germán: una fiction tv per un grande fumettista

La principale rete televisiva pubblica argentina Canal 7, dallo scorso 30 aprile, ha iniziato a trasmettere una miniserie piuttosto importante.

german

Germán, últimas viñetas racconta infatti la vita, la carriera e la drammatica fine del fumettista Hector Germàn Oesterheld, uno degli sceneggiatori più importanti e influenti dell’intera storia del fumetto (non solo) latinoamericano.

Immagine1

La miniserie è composta da 13 episodi di circa mezzora che – se ho ben capito – saranno resi disponibili gratuitamente online. Come il primo, che trovate qua:

Immagine2Immagine4
Immagine3

grazie a Moltitudo

Annunci

Eternauta vs. Nestornauta (vs. politica)

L’Eternauta è tornato di attualità nelle ultime settimane, in Argentina.

Il “merito” è del sindaco di Buenos Aires Mauricio Macri, leader del partito di opposizione di centro-destra PRO (secondo alcuni, il più temibile sfidante della Presidente Cristina Kirchner). Che lo scorso 24 agosto, in un’intervista radiofonica, ha dichiarato:

Decisamente no: l’Eternauta non entrerà [nelle scuole secondarie della città]. Decisamente non entra e non entrerà nessun tipo di manipolazione, di indottrinamento.

Di questa strana storia ho scritto sul Post. Cui aggiungo qui qualche link supplementare.

L’Eternauta, e la trappola del guardare

L’Eternauta è, fra le tante cose, anche una storia sul guardare. Raccontata da due sguardi.

Il primo è lo sguardo del lettore. Che segue la lenta cadenza del succedersi degli eventi. Ne L’Eternauta pochi, indispensabili elementi procedono per lento accumulo. Una progressione armonica, senza accelerazioni improvvise, ma che anzi ha nella modulazione il suo più implacabille strumento. Uno dopo l’altro, vediamo apparire tra le pagine Juan, gli amici, la famiglia, i fiocchi di neve, i vicini, gli edifici abbandonati, gli espedienti casalinghi, i globi infuocati, gli altri sopravvissuti, i soldati, i mostri, i kol…. Come in una armonia musicale, entrano via via in scena elementi e personaggi nuovi, che incrementano la tensione di strofa in strofa, di pagina in pagina, capitolo dopo capitolo. E su tutto la neve, a segnare come un tappeto ritmico – un rumore visivo – il dramma che incombe. Nevica nevica nevica. Per oltre metà del racconto – nel contesto di edizione originale, per oltre un anno, settimana dopo settimana – nevica. Mentre la tragedia prosegue uguale a se stessa, eppure sempre rinnovata. E’ il crescendo de l’Eternauta, una sinfonia narrativa di cui, lettori, osserviamo l’implacabile accumulo grafico.

Il secondo sguardo è quello dei personaggi. Che fin da principio sono posti di fronte ai rischi e alla forza rivelatrice del guardare. Nella prima tavola, lo sceneggiatore non crede ai suoi occhi di fronte all’apparizione di Juan, figura di un altro spazio-tempo, e corpo che sorge dall’affastellarsi di segni indistinti sulla carta. Così di fronte alla neve, che tutto copre, i sopravvissuti vivono la fatica dell’intravedere e del guardare ‘oltre’. Dall’inizio alla fine vedere sarà sempre una sfida e un rischio: sbirciare dietro agli edifici per capire cosa si nasconde; scrutare il cielo per cogliere il contenuto dei globi infuocati; cercare la posizione migliore per guardar dentro alle navi spaziali; fino al vedere cose inesistenti sotto effetto delle nubi ‘allucinatorie’. E una volta entrati in contatto con le tecnologie aliene, la stessa possibilità di percepire la realtà (come suggerisce anche il finale) si rivelerà un ambiguo problema visivo: il mondo che Juan infine vede (ri-vede?) è davvero una dimensione ‘altra’, o è solo un’allucinazione visiva?

Già: e se L’Eternauta non fosse altro che una parabola sul potere dello sguardo?

Attraverso la metafora del guardare, L’Eternauta offre una splendida riflessione sugli effetti distorsivi del potere. La neve e le tecnologie aliene impediscono di vedere la realtà, e immaginare così il suo superamento. Altrettanto fanno per noi le tecniche di sceneggiatura: al lettore è dato vedere “poco alla volta”, percepire solo progressivamente, senza indizi su cosa accadrà nel capitolo successivo. Ma allora Juan e il lettore vivono la stessa condizione: quella di sguardi intrappolati. Come i cittadini argentini dell’epoca, cui il regime della junta militare (che non a caso farà della ‘sparizione’ – i desaparecidos – la sua più drammatica arma) decise di offuscare il più potente degli sguardi: quello rivolto alla realtà, e al suo futuro.

Ecco dunque cosa è stato l’Eternauta: una straordinaria trappola. Che ha saputo mettere in scena – e praticare – l’esperienza del proprio drammatico potere. La trappola di personaggi cui la neve toglie la possibilità di vedere, la trappola di una macchina narrativa che ci coinvolge e costringe. E tutto questo per raccontare ben altro: la trappola di un dispositivo del controllo sociale che travolgerà un popolo.

PS  Questo testo è incluso (in compagnia di quelli di Goffredo Fofi, Alessandro di Nocera, Sergio Brancato, Gino Frezza) nell’edizione restaurata de l’Eternauta (001 Edizioni) di cui abbiamo parlato qua. Che sarà in libreria dalla prossima settimana, in concomitanza con il Salone del Libro di Torino. Qui di seguito, un saluto di Francisco Solano Lopez e Fernando Oesterheld (nipotino del grande Héctor Germàn):


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: