AngoulĂŞme 2013: italiani in nomination

Rituali post-Lucca: con la conferenza stampa di ieri, il festival di Angouleme ha comunicato il programma dell’edizione numero 40. E tra i contenuti c’è l’elenco delle (numerosissime) opere nominate nella SĂ©lection, che concorreranno al premio piĂą ambito nel mondo del fumetto occidentale.

Piccola notizia: quest’anno all’Italia non è andata affatto male. Due i libri nominati, uno per ciascuna delle due categorie principali: SĂ©lection Officielle e SĂ©lection Patrimoine.

Nella prima è finito Giacomo Monti, con Personne ne me fera de mal (Rackham), traduzione della raccolta di storie brevi pubblicata da Canicola, e giĂ  ispiratore del film diretto da Gipi L’ultimo terrestre. Per la serie: alla faccia di chi lo aveva sottovalutato – o snobbato – all’epoca dell’uscita in Italia.

Nella seconda categoria – in cui si conferma il track record positivo per gli autori italiani –  è toccato invece a Luciano Bottaro, con il primo volume della raccolta del suo PĂ©pito (CornĂ©lius). Un libro pubblicato in una splendida veste editoriale, peraltro.

Comme d’habitude, l’Italia si conferma quindi competitiva sul fronte della produzione di opere di ricerca e di frontiera, e come bacino di un ‘vintage’ di qualitĂ . Mentre persiste la sua assenza – almeno sulla scena internazionale – nella produzione di fumetto contemporaneo di massa (seriale e non).

Nel bene e nel male, il solito specchio dell’industria culturale nazionale: grande tradizione, eccellenze creative in costante ricambio, ma il tutto innestato su un terreno produttivo dal respiro corto.

A gennaio, durante il festival, vedremo da vicino che opinioni avranno raccolto. Ma il pronostico non è roseo: competizione dura, possibilità ridottissime.

foto by @Olivierm99

 

Cruciani e Gipi virale: alieni alla radio

La campagna commercial-situazionista per il film L’Ultimo Terrestre di Gipi prosegue. E ottimamente, direi.

Dopo il finto servizio del TG3 di qualche settimana fa, tocca ora alla radio. Grazie al programma di Radio24 “La Zanzara”, condotto da Giuseppe Cruciani, che si è prestato all’ennesimo pseudo-annuncio dell’arrivo degli alieni.

Qui di seguito l’audio del ‘quotidianissimo’ dibattito sull’arrivo degli omini verdi. Con un Cruciani ottimo attore sconcertato, e vari ascoltatori impegnati in interventi – deliranti – sulle implicazioni per religione, cospirazioni, tecnologie miracolose, commercio intergalattico, abduzioni e [chapeau a Gipi e alla squadra di Fandango] calcio-mercato (!).

Dal mio punto di vista, il film di Gipi ispirato ai fumetti di Giacomo Monti ha giĂ  conquistato un primato: quello di una delle migliori campagne di viral marketing per un ‘cinefumetto’ (di certo la migliore in Italia).

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: