Alcune immagini (disegnate) di Dio che mi son piaciute

Uno degli oggetti editoriali più bizzarri di questa primavera si chiama A4GOD, per 4 ragioni:

  • non è un libro, ma una raccolta di immagini – un genere editoriale che pare sempre più raro, visto l’ormai consolidato spostamento sul web di quelli che una volta erano i portfoli e i concept-book visivi.
  • affianca e mescola artisti di estrazione – tecnica, stilistica, professionale – profondamente diversa, dall’illustrazione alla fotografia al fumetto.
  • è una sorta di mappatura, o meglio un ritratto eccentrico dell’illustrazione italiana contemporanea, attenta soprattutto ai talenti emersi negli anni 2000, in primis quelli impegnati tra disegno e altre discipline.
  • è una interessante sfida creativa, perché offre una rara occasione di osservare – e comparare – le diverse sensibilità di 105 autori, messe all’opera a partire dallo stesso soggetto. Che in questo caso, peraltro, è un soggetto iconologico complesso: Dio, icona immaginaria – irrappresentabile – per eccellenza.

Si tratta di un progetto di Studio Pomo – Marco e Alessandro – che hanno provato così a fare il punto del proprio percorso di grafici interessati all’illustrazione. Un percorso che ho seguito spesso da vicino, lavorando insieme (anche per questo blog: l’immagine nell’header è una loro elaborazione).

Il risultato è un contenitore discontinuo, magmatico, contraddittorio – e proprio per questo, credo, ricco di immagini interessanti. Permettetemi allora di consigliarvelo così, con qualche disegno tra quelli che mi sono piaciuti di più:

Andrea Bruno

Marco Corona

Adriano Carnevali

Francesco Cattani

Elzevira

Manuele Fior

Fupete

Marco Klefisch

Giacomo Nanni

Davide Toffolo

 

Due nuovi blogfumetti (italiani)

Una breve doppia segnalazione. Da qualche giorno hanno debuttato due blog che ospitano fumetti – in formato a striscia orizzontale, grosso modo tradizionale – piuttosto interessanti.

Uno si chiama Battuta di Caccia, un lavoro di Francesco Cattani che prosegue il feroce fumetto – “ispirato” (con un notevole scarto metaforico) al clima di feroce accanimento post-berlusconiano – che avevo anticipato qui:

L’altro è Il Fumetto uccide, che ospita la strip dei (fratelli?) (esordienti?) Daniele Pagani e Mathia Pagani “Il treno”, un viaggio straniante e immaginifico tra bigliettai, stazioni, binari:

Berlusconi: battuta di caccia

A reimmaginare la drammatica situazione di queste ore, una pagina inedita – ancora grondante – di Francesco Cattani:

[click per ingrandire]

Top 10 fumetti 2010

Dimenticavo: anche quest’anno ho partecipato al gioco del webmagazine LoSpazioBianco, sul tema “Migliori fumetti del 2010”.

La Top 10 2010 complessiva è online da un pezzo. E la mia personale selezione è qui (con qualche argomentazione, almeno per le prime 4 opere inedite):

1) Barcazza di Francesco Cattani (Canicola)
2) Cinquemila chilometri al secondo di Manuele Fior (Coconino Press – Fandango)
3) Quaderni ucraini di Igort (Mondadori)
4) Cronache dalla palude di Francesca Ghermandi (Coconino Press – Fandango)
5) Ciccia di Dave Cooper (Comma 22)
6) Le ragazze nello stu­dio di Munari di Alessandro Baronciani (Black Velvet)
7) Garibaldi di Tuono Pettinato (Rizzoli Lizard)
8 ) Piero di Edmund Baudoin (Coconino Press – Fandango)
9) Il piccolo Christian di Blutch (Rizzoli Lizard)
10) Ciao Ciao Bambina di Sara Colaone (Kappa edizioni)

MENZIONE STORICA
1) Playboy’s Little Annie Fanny n.1 1962–1970 di Harvey Kurtzman e Will Elder (Magic press)
2) Le panoramiche di Jacovitti (Stampa Alternativa)
3) Il mondo dei Ronfi di Adriano Carnevali (Coniglio Editore)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: