Con l’agricoltura si mang(i)a

Uno dei manga più sorprendenti degli ultimi mesi è Moyasimon. Tales of agriculture. Una commedia (scolastica) scientifica, ambientata in una facoltà di agraria, con qualche elemento fantastico.

Scansione2

1) Un primo fattore di questa sorpresa è nel contenuto: l’ingrediente principale nell’ “arredo narrativo” della commedia sono i germi. Il protagonista, infatti, ha la bizzarra (e misteriosa) abilità di percepire a occhio nudo – e interagire – con ogni genere di microrganismi. Germi e batteri sono quindi veri e propri co-protagonisti della serie, onnipresenti sia come oggetto (nelle varie vicende di Tadayasu & C.) che come soggetto, in alcune sequenze in cui assistiamo alle loro stesse ‘microvicende’.

Scansione6Se mettere in scena microrganismi non è certo una sfida troppo difficile (tanto meno per chi è stato allevato alla visione di Siamo fatti così), farlo mantenendo una equilibrio fra il registro ludico e quello scientifico – peraltro senza crogiolarsi nello scatologico – non è da tutti. Scansione5

2) Un secondo aspetto è l’uso dei cosidetti free talk a bordo pagina, e in particolare gli spazi ai margini esterni delle tavole. In questi microspazi l’autore esplicita il suo lavoro – insieme narrativo e pedagogico – dotando di personalità (per quanto abbozzate) i vari tipi di germi che via via si affacciano sulla scena, e di cui impariamo a conoscere le caratteristiche organiche e comportamentali.

Scansione4

In questo, la riuscita di Moyasimon mi pare sia legata alla ‘fortuna’ del concept. Se nei free talks dominano, abitualmente, faccine dei personaggi (o autori) – schizzati o superdeformed – in funzione di alleggerimento o commento, qui l’autore colloca una gran quantità di rappresentazioni schematiche di germi, quasi fossero (micro) “schede” infografiche. La natura micro (e pervasiva) dei germi, così come del loro character design, li rende particolarmente adatti a popolare gli interstizi delle tavole. Un’idea che rende i free talks più integrati graficamente e meno futili diegeticamente, rispetto alla prassi maggioritaria nel manga.

Scansione3

3) Ma se questi aspetti sono ciò che fa il metodo e il tono di questa ‘gustosa’ commedia, il vero punto è altrove. Ovvero, nel suo immaginario.

Detto in modo un po’ tranchant: in Italia, una commedia di ambientazione agricola e dal piglio scientifico-pedagogico, pare inimmaginabile. Nonostante l’idea di Italia come terra del gusto, nonostante la diffusa percezione della qualità della nostra alimentazione, nonostante Slowfood e la moda “food” come ingrediente sempre più centrale dell’immaginario nazionalpopolare… nonostante tutto ciò, il fumetto italiano sembra non accorgersene. Per parlare di agricoltura, e della sua dimensione scientifica, e del suo insegnamento, ci voleva tutt’altra cultura della terra e del gusto. La vera sorpresa: che per raccontare qualcosa di cui l’Italia possiede un evidente ‘sapere’, ci voleva un manga. (e non insisto su un altro celebre esempio: il vino).

Eppure, come indicano alcuni dati della Coldiretti, qualcosa sta cambiando nell’immaginario nazionale sulle scienze agricole. Chissà se, e quando, anche il fumetto italiano riuscirà a registrare questi segnali. Tadayasu va benone – ma forse anche Mario potrebbe essere di nostro gusto.

Bonus: dall’epilogo del primo tankobon, una breve lezione di Scienze – con codino finale adolescenzial-geek. Anch’esso molto, molto giapponese.

Scansione7

Scansione8Scansione9

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: