I trucchetti di Harvery Kurtzman

Quanto Kurtzman fosse abile nel far recitare graficamente i personaggi, beh, almeno qui diamolo per assodato. Meno scontato, invece, vederlo all’opera in una tipologia di produzione tradizionalmente di poco conto: i fumetti di genere activity. Come quelli pubblicati nella sconosciuta e poco fortunata pubblicazione Little Aspirin.

Little Aspirin era una imitazione dell’allora celebre Little Lulu. Ma in quelle pagine, tra una storia e l’altra, si nascondevano delle pagine di “riempitivo d’autore”: delle rubriche-gioco – Little Aspirin’s tricky tricks – tra fumetto e activity, non firmate, ma che qualcuno ha attribuito a Kurtzman (mentre io me ne accorgo in ritardo). Rubrichette di un registro volto direttamente a interpellare il lettore – per spiegare, mostrare – in una direzione che ricorda il registro di frequente interpellazione usato da Kurtzman in MAD.

LittleAspirin1LittleAspirin2

Un dettaglio interessante è che, trattandosi del 1949, Kurtzman non era che agli inizi della sua carriera di geniaccio del fumetto umoristico. Un percorso che fiorirà, con il lancio di MAD magazine, nel ’52. Eppure già in questo riempitivo, Kurtzman era pur sempre Kurtzman: agitato ma fluido, divertente, chiaro, grafico, vitale, netto, paradossale, comunicativo.

Qualche altra pagina qui.

5 Risposte

  1. […] trucchetti di Harvery Kurtzman By matteos Quanto Kurtzman fosse abile nel far recitare graficamente i personaggi, beh, almeno qui diamolo per […]

  2. Però è molto strano. Nello stesso periodo Kurtzman faceva altre robe per la Timely (soprattutto Hey Look, Genius e Pot Shot Pete). Questi tre (tutti firmati) li cita continuamente – nel librino autobiografico, nelle interviste e anche in from aargh to zap – mentre ‘di little aspirin non parla mai.
    E poi guarda il lettering… Non è suo. Come mai?
    Adesso tocca di studiare.

    • dubbi legittimi: anche io avevo notato il lettering. E ho navigato mezz’ora alla ricerca di info, sorpreso per l’assenza di citazioni, tranne in pochi siti wiki come quello che ho linkato (marveliano), o questo: http://www.comicvine.com/little-aspirin-little-aspirins-tricky-tricks/37-94976/
      La risposta che mi sono dato, fidandomi, è che si trattava di una rubrica secondaria, un riempitivo non firmato; e proprio per questo il lettering era forse realizzato redazionalmente.
      Insomma: una rubrichetta tappabuchi, in una testata fallimentare e ben poco memorabile… non poteva che finire nel dimenticatoio.

      • Però di robe dimenticabili (prima e dopo la guerra), Kurtz ne ha fatte altre. Che però vengono registrate. Anche dal librone di Ktichen. e Buhle. Proprio strano

  3. […] Quanto Kurtzman fosse abile nel far recitare graficamente i personaggi, beh, almeno qui diamolo per assodato. Meno scontato, invece, vederlo all’opera in una tipologia di produzione tradizionalmente di poco conto: i fumetti di genere activity.  […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: