Graphic novel ottocenteschi: “Canottieri”, 1860

Tra gli studiosi di fumetto ottocentesco, è sempre più in voga discutere di graphic novel.

Naturalmente sto scherzando. D’altro canto, ci sono almeno due ragioni che rendono irrealistica l’ipotesi di un simile dibattito:

1) il concetto di graphic novel. Un’invenzione tardonovecentesca che calza solo in parte quando parliamo di fumetto nell’800;

2) la scarsità di esempi. Non tanto di fumetti – ché nel XIX sono tanto ‘dimenticati’ quanto numerosi – ma di quella particolare formula che, col senno di poi, chiamiamo graphic novel, e che con minore approssimazione si tende(va) chiamare graphic album.

Un’approssimazione, dunque. Eppure.

Eppure accade che talvolta, da ricerche puntigliose come da ritrovamenti fortuiti, alcuni di questi esempi balzino fuori. E l’ultimo caso è un tomo di un certo peso: ben 172 pagine. Si tratta di un volume intitolato “Canotiers”, datato 1859/61, realizzato dagli sconosciuti Verdier e Oscar Duflot, recuperato e messo in vendita dalla casa d’aste francese Ader, che lo descrive così:

documento prezioso, vero e proprio fumetto sui primi tempi della moda del canottaggio lungo la Senna e dei bagni intorno a Croissy e a La Grenouillère, e sui paesaggi delle rive della Senna alcuni anni prima dell’avvento degli Impressionnisti.

Il volume è in realtà costituito interamente da disegni originali: si tratta di un lavoro pensato per non essere stampato ma, con ogni probabilità – come ha osservato Antoine Sausverd – per essere sfogliato tra amici. I protagonisti sono i due autori stessi, che narrano situazioni e episodi tipici delle attività vacanziere, sportive e sociali di quelle zone.

Un assai raro graphic novel ottocentesco in originali, quindi. E sempre usando il nostro sguardo odierno – con le sue parole d’ordine – persino qualcosa di più specifico: graphic journalism ottocentesco.

Certo, graphic novel e graphic journalism rimangono categorie – per un dibattito fra studiosi del fumetto del XIX secolo – abbastanza approssimative. Ma come parole-chiave, restano una eccellente approssimazione.

via Topfferiana

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: