La lettura di fumetto: una survey nazionale (Francia)

Un piccolo passo per l’umanità, ma un grande passo per la fumettologia: finalmente abbiamo a disposizione una survey decente sul fumetto.

Durante il Salone del Libro di Parigi, infatti, sono stati presentati i risultati della prima indagine sulla diffusione della lettura di fumetto in un grande Paese – la Francia – fondata su un campione rappresentivo (statisticamente) dell’intera popolazione nazionale. Si tratta di una di quelle ricerche “di sfondo” che offrono alcuni dati fondamentali – grazie alla combinazione di tecniche quantitative e inferenze statistiche – per misurare la penetrazione sociale della lettura, declinata qui su ciò che è possibile rilevare (informazioni, comportamenti, preferenze) intorno al fumetto.

In giro per il mondo, quantomeno tra Europa e Stati Uniti, non esistevano prima d’ora indagini simili. In Francia i soli dati disponbili fino ad oggi erano quelli della maxi-ricerca complessiva sulle “pratiche culturali” (dal teatro al cinema alla letteratura), che comprendeva solo alcuni dati sul fumetto (un’analisi di questi è nel capitolo di Gilles Ciment – tra gli animatori più appassionati di questa survey – per il mio/nostro La bande dessinée: une médiaculture). In Italia solo le rilevazioni multiscopo Istat e i rapporti dell’Istituto IARD includono il fumetto, ma in chiave parziale e mai focalizzata.

Per la prima volta, dunque, il Ministero della Cultura francese ha promosso, insieme alla Bpi – che l’ha coordinata – una ricerca sulla diffusione e la percezione del fumetto in una vasta popolazione nazionale. Un lavoro ampio e rigoroso. Che offre così un’occasione importante per descrivere questo tipo di consumo culturale, e comprendere alcune caratteristiche della sua condizione attuale. Con tutti gli ovvi limiti del caso: non solo quelli strutturali del dato (non è un censimento, ma una rilevazione statistica, per quanto estesa e credibile), ma anche le distorsioni inevitabili della metodologia (i metodi quantitativi, che prendono “per buone” delle mere dichiarazioni, sollecitano risposte solo sui temi “non spontanei” loro offerti, e non possono offrire “spiegazioni” dei dati stessi).

Tra i risultati principali, dunque, ne sintetizzo qui alcuni. A partire dalla premessa di metodo: il campione è composto da 4580 soggetti di età > 11 anni (dunque esclusi i bimbi in età prescolare e nella scuola primaria), intervistati a metà del 2011.

Per cominciare, i macro-risultati:

Tre francesi su quattro si dichiarano lettori di fumetto. Ovvero: il 76% dei francesi (sulla base del campione) dice di avere letto almeno 1 fumetto: alcuni negli ultimi 12 mesi (29%: li chiamerò “lettori attivi”) altri negli anni precedenti (47%: “lettori passati”).

I lettori ‘attivi’ sarebbero quindi circa 16 milioni.

Metà dei francesi dice di possedere fumetti. Ovvero: il 49% degli intervistati dichiara di avere a casa almeno un fumetto, libro, albo o giornale che sia. Ovviamente i ‘possessori’ sono più numerosi tra i “lettori attivi” (87%) e meno tra i “lettori passati” (44%).

Detto altrimenti: il “bacino d’utenza” del fumetto, in Francia, è piuttosto consistente. Ragguardevole, se paragonato ad altri paesi: nonostante, come ho detto, sia impossibile fare comparazioni in assenza di analoghe indagini altrove, è ragionevole supporre che una penetrazione intorno ai 3/4 della popolazione non sia eguagliata in altri grandi mercati, da quello statunitense a quello italiano.

Entrando più in dettaglio, partiamo dalla “brand awareness”, ovvero: quali sono i fumetti più noti? I più citati, includendo anche i non-lettori, sono risultati i seguenti:

  • Les pieds nickelés  74%
  • Blake et Mortimer  72 %
  • Rahan  51%
  • Corto Maltese  51%
  • Naruto  41%
  • Blueberry  33%
  • Agrippine  30%
  • Lanfeust  14%
  • L’Incal  6%

Non sto qui a dettagliare le ragioni di questa classifica. Mi limito a ricordare come i Pieds nickelés siano i più ricordati perché ormai parte della lingua comune, anche tra i non-lettori, come una sorta di sinonimo dei nostri “fannulloni”, particolarmente indolenti sul lavoro. E mi limito a sollevare una questione secondaria: l’assenza di Tintin e Astérix è forse comprensibile, ma non del tutto chiara. [UPDATE: nei commenti, un chiarimento su questo punto da parte dello stesso G.Ciment]

Passando quindi ad altri e più importanti aspetti: chi sono questi lettori? Nel profilo del pubblico emergono innanzitutto le differenze generazionali:

  • tra i > 60 anni, 1 persona su 2 (49%) dichiara di non avere mai letto fumetti
  • tra gli < 60, solo 1 su 4 (24%) – o anche meno, tra i giovanissimi – dice di non averne mai letti

Si tratta di un punto importante perché, alla luce delle principali correlazioni intergenerazionali, mostra come i fattori di socializzazione primaria (famiglia) giochino un ruolo cruciale. Dice il rapporto:

L’indagine mostra che la sensibilizzazione precoce al fumetto ne favorisce la pratica in età adulta, e in particolare il fatto di avere avuto tra i genitori dei lettori di fumetti: la probabilità di essere lettori è del 45% in questo caso, il 18% in caso contrario. Per converso, solo il 6% delle persone di età superiore ai 60 anni ha avuto un genitore lettore di fumetti, contro il 29% dei soggetti di età tra i 18-24 anni.

Ma non mancano anche differenze di gender molto marcate. In generale si dichiarano lettori di fumetto:

  • il 38 % degli uomini
  • il 21 % delle donne

Infine, la scolarizzazione e le condizioni sociali sono un ulteriore fattore molto rilevante. Anche se in modo opposto a quanto si sarebbe potuto intendere decenni fa: i lettori di fumetto non vengono dalle classi sociali più sfavorite, ma al contrario dai soggetti più scolarizzati e professionalmente meglio collocati:

  • tra i lettori attivi, solo il 6% dei semplici diplomati alle scuole primarie legge fumetti, mentre tra i titolari di diploma di scuole superiori o università si tratta di ben il 38%
  • sempre tra i lettori attivi, legge fumetti il 20% degli operai, ma ben il 48% tra i membri della categoria (consolidata nell’analisi sociodemografica francese) dei “quadri e professioni intellettuali superiori”

Rispetto alle opinioni sul fumetto, ovvero alla percezione sociale della sua identità come consumo culturale, i risultati dicono che:

  • 92 % legge fumetti per divertirsi o per distrarsi
  • 78 % considera il fumetto una forma d’arte “a tutti gli effetti”
  • 70% i fumetti possono stimolare il gusto per la lettura (di altro)
  • 70% con il fumetto si può imparare molto e farsi una cultura
  • 65% i fumetti incitano l’interesse verso altre forme artistiche
  • 41% per leggere fumetti bisogna avere parecchio tempo libero
  • 40% i fumetti sono fatti soprattutto per i bambini e i giovani

L’indagine mette a fuoco anche qualche indicazione sulle diete di lettura. Innanzitutto rispetto all’intensità e ai tempi sociali della pratica:

  • la metà (52%) dei lettori attivi legge fumetti solo durante le vacanze o in occasioni episodiche
  • un terzo (32%) dei lettori attivi dichiara di leggerne lungo tutto l’anno
  • il 15% dichiara di leggerne in casi eccezionali

Dal punto di vista della quantità di letture, e considerando anche qua i soli “lettori attivi” nei 12 mesi:

  • < 10 fumetti/anno : 43%
  • tra 10 e 19 fumetti/anno: 25%
  • tra 20 e 49 fumetti/anno: 19%
  • > 50 fumetti/anno (“lettori forti”): 14% (ovvero: il 3% dell’intera popolazione francese >11 anni)

Tra i generi, o meglio tra le ‘famiglie produttive’ del fumetto, i più consumati dai lettori attivi sono risultati i seguenti:

  • album franco-belgi e europei: 83% (27% tra i lettori in genere, inclusi i “lettori passati”)
  • comics: 48% (16%)
  • fumetti umoristici: 52% (15%)
  • mangas e asiatici: 38% (12%)
  • graphic novel o alternativi: 21% (6%)

Naturalmente questo dato non va confuso con una vera e propria segmentazione del pubblico: alcuni generi sono per esempio fortemente correlati all’età, ma altri sono decisamente trasversali (gli album ‘alla francese’ in primis).

Infine, un’altra variabile interessante mappata dalla ricerca è quella delle motivazioni relative alle scelte di consumo, o meglio quelli che la sociologia dei consumi e il marketing chiamerebbero più propriamente “driver di acquisto“, trasversali ai generi:

  • storia: 66%
  • disegno: 59%
  • personaggio: 35%
  • fedeltà ad una serie: 15%
  • firma dell’autore: 12%

Per una prima presentazione, mi fermo qua. Una sintesi della ricerca, in francese – più dettagliata di quanto abbia potuto fare in questo post – è disponibile a partire da qui, firmata dai ricercatori Christophe Evans e Françoise Gaudet. Nei prossimi mesi il sito della Cité proseguirà peraltro ad offrire ulteriori elementi, ovvero nuovi dati e letture incrociate degli stessi. Per proseguire un lavoro interpretativo che, ne sono certo, proseguirà nel tempo.

Una survey di queste dimensioni segna un piccolo punto di svolta nella ricerca sul fumetto, perché servirà da base per interrogazioni sociologiche – e più ampie riflessioni – a lungo. E chissà mai che possa aiutare, prima o poi, a mettere in opera un lavoro paragonabile anche in Italia.

12 Risposte

  1. (en français, désolé) Matteo, comme toi j’ai été surpris par les personnages les plus connus des français, mais je pense que la méthodologie de cette question permettrait d’en éclairer les résultats. Je soupçonne qu’il s’agisse d’une question guidée (et non pas de réponses spontanées), avec un choix délibéré de ne prendre que des héros de bande dessinée relativement “purs”, i.e. dont la notoriété ne pourrait être établie par le biais d’un film. D’où les oublis volontaires de Tintin, Astérix, Largo Winch, etc.

    • Xavier, sure cela je n’avais que des soucis méthodologiques générales (“questions guidées”, bien sur) mais je n’avais pas d’infos sur les choix spécifiques.
      Ton hypothèse est pourtant très crédible: merci. Je suis certain que les collègues vont nous donner plus de détails dans les prochaines semaines (le site de la Cité).
      Quand meme, si ce sera le cas, je ne suis pas d’accord: c’est bien de souligner la différence de perception entre Astérix et Rahan, mais on ne peut pas “effacer” Astérix ou Tintin tout de suite du panorama: la notoriété d’un produit (aussi films, livres, émissions télé, jeux vidéo) est déterminée par plusieurs facteurs, mais il s’agit de variables secondaires: en premier il faut mesurer la notoriété, et seulement en deuxième ses “drivers” (dont les adaptations sont parfois très importants).

  2. En effet, cette question est guidée: nous avons proposé un certain nombre de noms, que nous pensions représentatifs de quelques catégories de bandes dessinées et de niveau de notoriété de personnages (avec des anciens, d’autres moins, etc.). Une question “ouverte” aurait donné une trop grande myriade de noms, qui seraient devenus peu significatifs. Et nous ne voulions pas non plus une liste trop longue, et donc nous ne voulions pas l’ “encombrer” de noms qui auraient recueilli 99 ou 100% de réponses positives, comme Astérix et Tintin (d’autant que leur hyper-notoriété relève d’une autre dimension, peut-être insuffisamment explorée dans l’étude, qui est celle de la notoriété par les produits dérivés et adaptations, films, séries télé, qu’il aurait été bien difficile de séparer, dans l’esprit des personnes interrogées, de la notoriété du personnage d’origine…). Nous ne voulions donc pas griller des cartouches dans une enquête qui comporte quand même 130 questions…
    D’autres résultats seront prochainement délivrés, dont beaucoup sont passionnants et changeront quelques idées reçues…

    • Je suis ravi pour cette recherche. Je voudrais vous demander si c’est possible d’examiner le questionnaire. Merci! //// Sono felicissimo per questa ricerca. Vorrei domandarvi se è possibile esaminare il questionario.

  3. […] quel che è il caso di leggere per bene (e magari prendere come spunto per l’Italia), facendo click qui. Stampa (o PDF o Mail) il solo contenutoShare Post di afNewsInfo – martedì 20 marzo 2012 – Dati […]

  4. mi chiedo come sia possibile che in Francia si sia sviluppato il medium fumetto in questo modo e come sia riuscito ad acquisire una tale dignità culturale che nel resto del mondo (a parte forse il Giappone) non è riuscito a raggiungere. Mi vengono in mente solo motivazioni riguardo al presente (magari vasta offerta di storie e di generi, o ancora pubblicazione in formato grande e cartonato etc.), ma nessuna riguardo agli albori. Sarei anche curioso di sapere l’evoluzione della diffusione del manga in Francia (e nel mondo) dato che sembra andando affermandosi sempre di più

  5. […] doveroso segnalarvi il blog Fumettologicamente (cliccate qui) che si è impegnato a tradurre l’originale relazione, ricca anche di schemi riepilogativi e […]

  6. leggere i fumetti: lo stai facendo nel paese sbagliato.

    • come ripeto spesso: mi accontento di vivere nel quarto mercato mondiale, e in uno dei tre con la più solida continuità storico-artistica 😉

  7. […] d’età) nel grafico qua sotto. In una parola: disaffezione, che – come ha dimostrato la recente ricerca del Ministero della Cultura – si produce per 3/4 entro i 25 anni di […]

  8. […] Numeri e note assolutamente interessanti…e assolutamente unici perchè fino ad ora non c’era niente di simile ai dati che sono stati raccolti sotto l’egida del Ministero della Cultura.. dati attraverso i quali si può avere un quadro abbastanza dettagliato, e non generico, dei lettori francesi che certamente in grande maggioranza, il 76% si dicono “lettori di fumetti” ma quanti fumetti leggono ? Quando li hanno acquistati ? Cosa acquistano ? Come ? Vi rimando alle note di Fumettologicamente.. https://fumettologicamente.wordpress.com/ Sarebbe interessante metter mano a delle ricerche anche nel nostro paese…. Grazie a Domenico mitico Debris per la nota […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: