Il businessbuonismo di Paperone, e la pedagogia economica

In uno degli ultimi numeri (2913), Topolino apriva con la storia Zio Paperone e la campagna in città (testi Marco Bosco, disegni Marco Mazzarello).

Mi è parsa una storia più interessante del solito. Ma non tanto perché era dedicata al tema attuale del cibo biologico. Come sapete, che Topolino produca storie ispirate all’attualità – dai fatti puntuali ai temi nell’agenda dei media – non è una novità. E che questa abitudine sia anche una leva di marketing per il settimanale, è pure cosa nota. Infine, che l’ecologia sia un tema da tempo presente nelle storie Disney italiane, e che questo sia attraversato da ampie dosi di buonismo, è altrettanto evidente arcinoto. Basti pensare a un anno fa, quando Topolino 2834 ospitò la storia Paperinik e il mistero a impatto zero, sul tema delle emissioni di co2.

Per precisione, dunque: nel numero in questione, la cui copertina portava lo strillo “numero speciale Topogreen”, il tema ecologico era declinato anche come strumento di marketing, per accompagnare la decisione (argomentata anche nell’editoriale dalla direttrice) di iniziare a stampare il giornale su carta riciclata con certificato PFEC.

Sbrigate le premesse, gli aspetti che mi sono parsi interessanti sono questi:

1- Il primo è quello più evidente: il tema del cibo biologico è affrontato attraverso una chiave di lettura che non è solo valoriale. Non si tratta di una generica catechesi ecologista, del tipo “ciò che rispetta la natura è cosa buona in sé. Punto”. La lettura immaginata da redazione e autori è invece economica: il biologico come *modello differente* nella produzione e mercato dell’alimentazione. Al centro non c’è il valore del BIO in sé, ma il valore specifico della filiera corta.

La storia si apre con un canonico shock imprenditoriale di Paperone, disperato per il declino delle vendite di frutta e verdura coltivate (e commercializzate) dalle sue imprese del settore. La ragione è che i consumatori sembrano avere cambiato le loro abitudini di acquisto, abbandonando i supermarket P.d.P per il nuovo “Mercato dei contadini”:

In questa rappresentazione, Nonna Papera incarna la filiera corta, mentre Paperone è il simbolo dell’agricoltura industrale. Una trovata sensata e brillante, perché è perfettamente giustificata dall’identità dei personaggi, ma al contempo ne offre una specie di rilettura alternativa e/o aggiornata, che sovrappone il tema odierno agli stili di vita tradizionalmente diversi dei due paperi. Il cibo di Nonna Papera, proverbialmente “più buono”, si rivela tale non solo grazie alle sue abilità in cucina, e non è semplicemente ‘genuino’: proviene da un altro modello di produzione agricola. La Coldiretti sembra avere apprezzato.

2- Da qui viene un secondo aspetto che mi pare ancora più interessante. La narrazione non si limita a mettere in scena una sorta di invenzione o scoperta. Non si ferma alla descrizione di una eccentrica (esotica, fantasiosa, eccezionale) diversità, ma la rappresenta in azione nel ‘normale’ contesto paperopolese, ovvero di una città i cui modelli di produzione imperanti sono altri, e in cui i principali imprenditori (Paperone e Rockerduck) non sono disposti a farsi facilmente bypassare. Zio Paperone e la campagna in città prova quindi a mettere in scena il conflitto tra diversi modelli economici: quello dei contadini organizzati, e quello degli industriali dell’agricoltura.

La storia racconta quindi la reazione di Paperone, imprenditore in crisi che decide di cambiare strategia, affrontando la nuova concorrenza sullo stesso terreno: la vecchia tuba si lancia nella produzione di cibo biologico. Un percorso cui non mancano gli ostacoli. Dapprima cerca di acquistare qualche terreno agricolo; ma non ne trova disponibili (e anzi una sua offerta è respinta a pallettoni da Dinamite Bla). In seguito cerca una soluzione diversa, per certi versi coraggiosa e inventiva: attraverso la riqualificazione di una antica miniera di carbone sepolta sotto al centro di Paperopoli, arriva a realizzare “Underland P.d.P.”, la prima azienda ortofrutticola sotterranea:

L’operazione è un successo: prodotti di qualità, in grandi quantità – dunque a prezzi bassi – e in un contesto che per i clienti è anche un piacere ‘divertente’ (la surreale idea dello shopping-raccolta diretta dalle piante). E questo successo mette presto in crisi il “mercato dei contadini”. In uno scambio di vedute con i nipotini, preoccupati anche per Nonna Papera, il capitalista Paperone teorizza:

la libera concorrenza ha le sue leggi! A volte sono dure, ma vanno rispettate! Entrando nel mercato, i contadini se ne sono assunti il rischio!

Già, il mercato premia chi rischia e innova, e lo zione prospera. Al punto che il concorrente Rockerduck (il cui analogo business ‘tradizionale’ è anch’esso in crisi) non può restare a guardare. Ecco dunque entrare in scena l’antico rivale, che ‘copia’ il concorrente con un’iniziativa non da meno: un’azienda ortofrutticola subacquea, ancora più vasta e spettacolare. Risultato: un successo che spiazza lo stesso Paperone.

Ma de’ Paperoni è l’imprenditore indomito che sappiamo, e avvia una contromossa: accelera la produzione, per tornare a superare Rockerduck sia sulla stagionalità dei prodotti che (ci immaginiamo) sui prezzi. Rockerduck lo segue subito, ma nella sua serra sottomoarina le condizioni climatico-produttive sono particolarmente rischiose, come nota un suo tecnico. Tuttavia vediamo Rockerduck assumersi in toto il rischio: piuttosto che vedersi superato se ne frega delle conseguenze, e ordina che si acceleri la produzione senza rispettare i tempi naturali di crescita delle piante.

Inizia così una catastrofe. Cominciano a verificarsi problemi serissimi: frutti e verdure marciscono in un baleno, con inevitabili contestazioni dei consumatori. Idem accade alla Underland P.d.P.. La credibilità delle “megafattorie” è distrutta, e la valutazione di Rockerduck è impetosa: inutile rimediare tornando ai metodi precedenti:

l’immagine dell’azienda ormai è compromessa e, in questi casi, il consumatore non perdona!

Resta da fare solo una cosa: abbandonare del tutto il business. Si chiude. Ai nipotini il ruolo di esplicitare la morale:

Che batosta per lo Zio Paperone! Ci ha rimesso una vagonata di dollari! Per non parlare di Rockerduck! La cupola sottomarina sarà costata anche di più! […] Con la natura non si scherza! Maltrattandola, ne ricavi solo guai!

Insomma, il racconto sul conflitto tra modelli industriali che ne esce è certo molto semplifice, ma non anestetizzato. Lo vediamo quindi messo in scena in tuttte le sue fasi, dall’analisi dello scenario competitivo alle strategie di creazione del valore aggiunto, dalla fase di innovazione fino al (drammatico) run-out-of-business. Una piccola lezione di didattica industriale, compiuta e coerente.

3- Nel post-finale, con il “ritorno alla normalità”, la storia aggiunge un ingrediente ulteriore. La scena di Paperopoli, dopo il tracollo dei due antagonisti, torna ad essere dominata dal “mercato dei contadini”. E proprio lì si ritrovano Nonna Papera e Paperone, con quest’ultimo ormai in veste di (scornato) cliente. E’ qui che la parabola disneyana trova un compimento non solo didattico, ma propriamente pedagogico. Lo rivela Battista, maggiordomo di Paperone, chiacchierando con Nonna Papera cui svela come sono andate ‘veramente’ le cose nel momento cruciale della scelta di “alzare il rischio”:

Ebbene la scelta di Paperone a favore di un processo produttivo aggressivo e distruttivo, non era finalizzata al recupero della posizione dominante su Rockerduck. Si trattava di un fallimento industriale intenzionale, il cui obiettivo era altro: fare marcia indietro rispetto a un modello industriale che stava distruggendo un business “sano” come quello della filiera corta, alimentato dai contadini.

Ovviamente una storia Disney come questa, breve e semplice, si apre a diverse letture, tra cui:

  • lettura economicista: a trionfare è il cinismo imprenditoriale di Paperone, che piuttosto di perdere la leadership preferisce sfasciare l’intero mercato (Paperone è un capitalista spietato, e così si è comportato anche stavolta, al di là della facciata buonista)
  • lettura sarcastica: queste cose possono accadere solo in storielle immaginarie (Paperone è un imprenditore lontano anni luce dalla realtà imprenditoriale e dall’economia reale)

Tutte legittime. E non c’è dubbio che ciascuno sia libero di scegliere la propria. Ma quel che mi pare importante è riconoscere anche il peso e il valore di quel che una volta si sarebbe chiamato il “messaggio”: l’obiettivo esplicito, l’intenzione comunicativa della storia.

Ed è in questo senso che mi sembra utile sottolineare come Zio Paperone e la campagna in città, grazie alla sequenza nel post-finale, non sia solo una storiella su un sano principio (‘rispetta la natura’) condita dalla descrizione (compiuta) delle sue implicazioni economico-industriali. Più ampiamente, è una storia su un modo di guardare al business: non solo didattica industriale, ma pedagogia economica. Dietro alle scelte di business, anche le più paradossali e impossibili come un *maxifallimento intenzionale*, c’è una visione del contesto sociale in cui vanno a radicarsi. Un contesto in cui non tutto è utile, non tutto è opportuno, non tutto è sviluppo.

E per quanto assurdo, illusorio, buonista, credibile-solo-nei-fumetti possa sembrare il messaggio di un Paperon de’ Paperoni, in fondo è proprio di questa pedagogia che sembriamo avere più bisogno oggi, per lo sviluppo della nostra acciaccata società moderna.

5 Risposte

  1. Due cose..Leggevo qualche giorno fà un articolo a proposito del “come siesce da questa crisi” la solita soluzione era accompagnata da un paio di opportune pre – considerazioni storiche …

    Adam Smith diceva che quando 2 capitalisti si incontranola prima cosa che fanno èstringersi la mano per distruggere il ibero mercato ( è la regola aurea del mercato,la vera regola, che i nostri “liberal” cresciuti a pane e non si sà bene quali letture opportunamente non citano mai straparlando delle virtù salvifiche del mercato, poco male altri liberal, più ferrati, di varii paesi, con ben altra tradizione, liberal, se la sono abbondantemente dimenticata…Gli effetti si vedono.)

    Oltre alla soluzione monearie occorrono le leggi, una legge come quella che impose l’odiatissimo Roosvel ( Delano) alle banche, banche che oggi sono i convitati dipietra di ogni e qualsiasi crisi economica, progetto sociale, crisi, anche di quello che ha illustrato questo numero di Topolino..

    Paperone è uno dei pochi, pochissimi capitalisti onesti in circolazione, certamente è un “vero capitalista” fiuta l’affare e molto cinicamente cerca di ottenere un suo guadagno ed,essendo da sempre veramente competitivo, lo si vede molto bene nelle pagine di Don Rosa, che riprendono e amplificano veramente la forza degli originali, a differenza del capitalista classico però, è un capitalista lavoratore ( non che Rockherduck non lavori ma da semprepaperone indica nel sudore e nella fatica il fruttonon solo delle immense ricchezze ma,anche e soprattutto del suo decino, ed è questa la differenza… per Paperone il decino vale davvero quanto i suoi fantastilioni ) conscio sia del suo valore, ha un grande orgoglio il papero più ricco del mondo, ma anche del valore del lavoro degli altri.

    E’ per questo, è la mia idea, che pone in essere questa sua manovra, non solo perchè non può essere di nuovo il primo…

    Solo in storielle immaginarie possono accadere cose simili ?? Se ci fossero persone come Paperone – ed ce ne sono negli USA vi è un dibattito sulle tasse dei ricchi portato avanti da alcuni miliardari- più conscie che la loro ricchezza non nasce dal nulla ed ha una valenza sociale ( voglio ricordare quanto uno come George Soros ha fatto per decenni nell’est Europa) bhè forse la “Storiella Immaginaria” acquisterebbe un sapore diverso..

    Oh poi certamente l’aurea regola del mercato non cambia…è per questo che Roosvelt scrisse le sue leggi dopo la depressione, potrebbe confermarlo il papero più ricco del mondo, che quelle leggi aiuto a scrivere.

  2. Bravo, Matteo, ottimo intervento. Vedo che quando ti ci metti seriamente…🙂

  3. debris: del tuo discorso mi limito a rilevare un dato: l’idea che Paperone rappresenti un modello ‘esemplare’ di capitalismo.
    Ovviamente la questione di merito è complessa, visto peraltro che di Paperone esistono versioni diverse (anche a causa di autori diversi), ma in linea generale ci sta.
    Quel che mi pare più sorprendente è come Paperone, character sempre meno ‘contemporaneo’ (per millanta motivi), riesca in fin dei conti ad offrire ancora un’identità con qualche mordente.
    E sarebbe interessante, almeno fumettologicamente parlando, tenerne conto rispetto a Topolino, character il cui mordente è certamente molto diverso (morto o vivo che si voglia ritenerlo, a seconda dei punti di vista – e qui io sono affettuosamente pessimista).

    marco: con tutti i Topolino che leggo, ci sarebbe il rischio di averne a dozzine, di argomenti. Ma un blog sarà mica una cosa così seria?😛

  4. Ma mi è venuta in mente una cosa, riguardando il tuo pregevole intervento. Non si deve far confusione fra “filiera corta” e “agricoltura biologica”. Non sono sinonimi.
    L’agricoltura biologica si contrappone a quella cosiddetta “convenzionale” per il fatto che non fa uso di ogm, pesticidi e fertilizzanti (benché nuove leggi dell’UE… consentano all’agricoltura col marchio biologico”… rullo di tamburi… di contenere fino al 9% di roba ogm).
    D’altro canto, l’agricoltura biologica può essere, ed è spesso, altrettanto “industriale” di quella convenzionale, per metodi di produzione e distribuzione: si può comprare in Francia delle arance biologiche provenienti dal Brasile, per esempio. Quindi l’agricoltura biologica non contiene, ipso facto, la filiera corta.
    E inoltre la filiera corta non esclude che i prodotti agricoli in questione siano prodotti con criteri convenzioniali: nessuno ci dice che nelle terre “intorno a Paperopoli” i contadini non facciano ampio uso di ogm, pesticidi e diserbanti, ma che risparmino e guadagnino di più vendendo direttamente al dettaglio a costo chilometrico irrisorio o nullo.
    Tutto questo la storia disneyana in questione non lo dice e riproduce e alimenta una confusione nella quale annaspano quasi tutti, in Italia, visto che non c’è un’adeguata cultura dell’informazione in tema agricolo. Per la quale c’è una distinzione molto netta fra contadini, coltivatori diretti e industrie agricole, un’opposizione irriducibile fra i primi e gli altri, e una continuità (a volte una connivenza, comunque un rapporto di dipendenza diretta) fra gli altri due.

    Come faccio a sapere queste cose? Mi faccio pubblicità pure io: http://www.minimaetmoralia.it/?p=5463#more-5463

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: