Carofiglio e il graphic novel liofilizzato

Ho sfogliato il libro TALENTI PER L’IMPRESA. Cinque imprese, cinque autori, cinque racconti del talento. Per qualche tempo è scaricabile gratuitamente sul sito di Repubblica, come iniziativa dell’edizione barese in collaborazione con l’editore Laterza: “avventure imprenditoriali di successo quelle descritte da cinque autori di talento nel nuovo volume da scaricare per i lettori di Repubblica Bari”.

Ero stato attratto dal titolo dell’articolo di Repubblica: “Letteratura e graphic novel così si racconta un’impresa”. Una buona idea: raccontare storie imprenditoriali usando il fumetto. Perché no. Leggo:

In “Tink&Tank”, per esempio, Francesco Carofiglio ha disegnato una graphic novel ispirata alla Planetek Italia, impresa barese che opera nell’informatica satellitare.

Francesco, fratello di Gianrico, è uno scrittore e anche disegnatore. Certo non un talento memorabile, ma l’iniziativa è curiosa. Scarico, apro e leggo. E scopro che il graphic novel in questione sarebbe in realtà un fumetto di 5 pagine: più che un racconto breve, un racconto brevissimo.

Insomma: se qualcuno fosse in cerca di un caso esemplare di abuso del termine “romanzo grafico”, eccolo servito.

6 Risposte

  1. http://lucaboschi.nova100.ilsole24ore.com/2011/08/i-premi-del-fumetto-i-saggi-critici-di-antonio-solinas.html

    Scusa lo spam. Se non interessa, cancella tranquillamente. È che ho avuto problemi e in questo momento non mi ritrovo la tua email.

    Saluti

    Antonio

  2. capre

  3. mmmm…. ricorda molto una certa striscia di Calvin & Hobbes….

  4. Si sa che “graphic novel” suona meglio di “fumetto”, indipendentemente dalla sua lunghezza.
    E comunque mi chiedo perche’ non chiamiamo “graphic novel” anche le storie di Asterix et similia che si svolgevano in una quarantina di pagine…

  5. c.: vista. Giurerei che non è farina del sacco di Filippo, ma di un brillante titolista [pagherete caro, pagherete tutto?]

    antonio: grazie. Questione più che legittima e dibattito utile. Peccato le risposte un po’ limitate: la questione non è certo su singoli giurati (peraltro la soluzione era facile: bastava non coinvolgerlo, quest’anno).

    roberto: sgarbi docet??

    giovannim: cioè?

    paolo: con asterix già accade: http://en.wikipedia.org/wiki/Asterix_and_the_Vikings

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: