Elezioni da fumetto?

Berlusconi che si crede Zio Paperone, G. Moratti che si crede Batman, e ieri Formigoni che va al seggio vestito con Paperino.

Ok, la classe politica milanese è parsa, nell’ultimo anno, così poco credibile da apparire talvolta ai confini del ridicolo. Ma che a dimostrarlo plasticamente siano tanti indizi fumettologici… Devo iniziare a preoccuparmi sul serio?

E non è mica solo il PDL. Paolo Bassi, candidato al Consiglio comunale di Milano e capolista della Lega Nord al Consiglio di Zona 4, invece dei soliti volantini ha realizzato dei “cartoncini a fumetti” firmati da un giovane disegnatore milanese. Preparatevi all’ascesa di un nuovo genere: il “fumetto leghista”:

2 Risposte

  1. […] dubbi sul ruolo giocato dal fumetto alle ultime […]

  2. […] su questo blog avete letto cosa ne penso: non si era forse mai visto un clima elettorale con tanto fumetto nell’aria. Tanti di quei paradossi e fandonie da far pensare alla regia invisibile di uno Jacovitti spin […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: