A parlare di “Generazione Dylan Dog”

Domenica sarò a Cremona, a chiacchierare di un fumetto italiano che per un lungo periodo ho letto con enorme passione e a cui devo un bel po’ (di affetto e di stimoli, da quelli fumettologici a quelli cinefili).

Dylan Dog sta per compiere – li celebrerà a ottobre – 25 anni di vita editoriale. E come tanti, mi sento di esserne in qualche modo un compagno e un figlio. Insomma, un membro di quella “generazione Dylan Dog” di cui andremo a parlare (ore 10) con Pasquale Ruju, Luigi Mignacco, Lola Airaghi e Luigi Piccatto, nell’ambito dell’appassionata rassegna e mostra “Dylan Dog 25. Il mito di una generazione”, organizzata dal benemerito Centro Fumetto “Andrea Pazienza”.

Sia detto per inciso: è mai possibile che la sola mostra su un simile anniversario (almeno già certa e annunciata) sia questa, e che città ed istituzioni culturali di maggiore peso – nisba?

Se tutto va male, saranno nostalgia, malinconia, ricordi, aneddotica compulsiva e peana alla “non c’è più il fumetto di una volta”.

Se tutto va bene, stesso programma.

Magari, nel secondo caso, se c’è tempo ci aggiungiamo qualche mezza idea. Per riflettere su come sia accaduto che DD mi/ci si conficcò nella testa e nel cuore da non uscirne più. E per ricordarci del lavoro di Tiziano Sclavi, poderoso rabdomante degli anni del riflusso.

Una Risposta

  1. ultimissima ora: non ci sarà Piccatto, ma ci sarà Giovanni Freghieri!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: