Fumetti delle origini: Scozia

Tanto per non perdere l’abitudine di parlare di fumetto pre-1900. E tanto per sorridere degli effetti ridicoli di certo nazionalismo. Breve notizia: un fumettòfilo scozzese ha di recente sostenuto la tesi secondo cui “la Scozia avrebbe inventato il fumetto”.

Il signor John McShane, autore di un imminente documentario intitolato “Scotland’s Amazing Comic Book Heroes”, in programma per BBC Scotland, nell’argomentare la sua tesi segue una periodizzazione seria e insieme aggressiva. Già, perché la sua boutade non è rivolta alle solite dispute sul pre-Yellow Kid, ma all’epoca – molto meno indagata – pre-Rodolphe Topffer: il primo quarto dell’Ottocento.

L’oggetto della tesi dell’illustre (si fa per dire) fumettologo sarebbe un periodico satirico pubblicato per pochi mesi a Glasgow nel 1825, il Glasgow Looking Glass, quasi interamente realizzato dall’illustratore William Heath, caratterizzato – come prassi comune dell’epoca – dalla presenza di testi, caricature, disegni e anche fumetti.

Naturalmente al signor McShane va riconosciuto il comprensibile stupore e senso della “scoperta” che colpisce, periodicamente, chi non ha conoscenza dei – rari sì, ma tutt’altro che inesistenti – studi storici che hanno indagato quel periodo. Indicando ben altri e più numerosi esempi…non solo scozzesi, purtroppo per lui.

Resta il fatto che il periodico citato pare un oggetto interessante, persino elegante in alcune soluzioni. Tra le immagini rintracciabili in Rete, spicca una eccellente tavola. Il cui impianto compositivo è indubbiamente teatrale (McCloud direbbe: le transizioni sono del modello da-scena-a-scena), ma che è anche dotata di un layout brillante, dal valore insieme decorativo e narrativo:

via Bleedingcool

2 Risposte

  1. […] alla ricerca di nuovi e, se possibile, più efficaci mezzi, da aggiungere ai precedenti. Click qui per l’interessante articolo di Matteo Stefanelli, pubblicato qualche giorno fa. afNews è […]

  2. […] alla ricerca di nuovi e, se possibile, più efficaci mezzi, da aggiungere ai precedenti. Click qui per l’interessante articolo di Matteo Stefanelli, pubblicato qualche giorno […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: