Ruppert&Mulot, Irene e i barboni: anteprima

Finalmente arriva in Italia un libro di Jérôme Mulot e Florent Ruppert. L’avverbio è dovuto al fatto che, semplicemente, li ritengo tra gli autori più interessanti emersi in Francia nell’ultimo lustro.

Autoritratto: Ruppert e Mulot in 'Irène et les clochards'

Con l’affermazione del 2007, premio Révélation al Festival di Angoulême per Panier de singe, il loro lavoro si è rapidamente fatto notare circolando per diversi festival europei. Ma in Italia questi due giovani autori sono ancora sostanzialmente ‘invisibili’, a eccezione di qualche fugace apparizione sulle pagine del settimanale Internazionale, con due/tre brevi racconti (tra cui, a mio avviso, una delle più riuscite “Cartoline da…” di sempre).

Il festival bolognese Bilbolbul li ha – finalmente – invitati in Italia, dove potrete vederli impegnati in diverse attività: una mostra, una performance, e un incontro/conversazione (con il sottoscritto e un altro giovane talento d’eccellenza, Brecht Evens – ma ne riparliamo poi).

Qui però vorrei darvi una pur minima idea del loro lavoro. Ecco quindi la prima sequenza – quattro tavole, ma direi già esplicative del loro approccio paradossale e disorientante, teatrale e mentale, ludico e meta-riflessivo – del primo libro in uscita in lingua italiana, Irene e i clochard, tradotto e pubblicato da Canicola (click to enlarge, sennò i balloons non si leggono):

Bonus: un paio di altre tavole, con tutt’altra costruzione plastica (e belle, e scelte a capocchia):

7 Risposte

  1. Non vedo l’ora ! E’ il volume che aspetto con più ansia, e quest’anno per la prima volta sarò a Bilbolbul. Però… “a metà tempo”? Non era meglio tradurra “part-time”?

  2. A proposito, il volume di Brecht Evens esce in occasione di Bilbolbu, o più tardi?

  3. talk ‘bout timin’.
    proprio ieri il sig. amazon.fr si è deciso a farmi arrivare irène et les clochard versione l’assò.
    sono in totale balìa della loro capacità ipnotica di sorienTARMi.
    anche se il loro capostipite, a mon pétit avis, rimane la storia uscita su ferraille 27, visto che (i)vi si parla di amore a paga.
    mento.🙂

  4. per chiacchierarne un po’, ne avevo parlato qua, senza sapere ancora che sarebbe stato pubblicato, pur auspicandolo. sarà una delle iniziative più interessanti del festival!
    http://sonoioche.blogspot.com/2011/01/il-ruolo-di-un-festival-rppert-e-mulot.html

  5. Sono molto contento, anch’io adoro R&M, anche se rendono meglio sul racconto breve (o su cose più sperimentali) e infatti Irène non é il mio preferito. Ultime creazioni uno strano fumetto-giornale sull’adilà, per l’association, e una bella t-shirt : http://amelinekpannou.blogspot.com/2011/02/comment-fabriquer-un-t-shirt-ruppert-et.html

    • grz, esc!
      lo strano fumetto sull’aldilà direi che mi è arrivato (anche se essendo incellofané ed io feticista ancora non l’ho aperto) ma nulla sapevo della t-shirt.
      ciao.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: