Il Belgio è complicato (e il lapsus è fumettologico)

Dello stallo politico in Belgio sappiamo tutti. La novità è l’inatteso successo della splendida manifestazione di ieri a Bruxelles – “Shame” – di cui riporta oggi anche il Corriere della Sera (cartaceo: niente link), con Luigi Offeddu. Scrive il corrispondente da Bruxelles:

Sui giornali, il vignettista Philippe Geluk invita gli uomini a lasciarsi crescere la barba fino a quando nascerà un governo, e dà per primo l’esempio.

Geluck (ehm, “ck” – come Calvin Klein, ok?) è forse il più celebre disegnatore belga vivente, creatore di quel Gatto, amante dei giochi di parola – sfondo: la satira – che da vent’anni domina regolarmente le classifiche belghe e francesi. Ma il riferimento a lui non è corretto.

L’invito a lasciarsi crescere la barba senza sosta, fino alla costituzione di un governo, viene infatti da una proposta del geniale comico e attore belga Benoit Poelvoorde. Geluck è pure lui un bravo umorista, okkey, ma non è quindi a lui che può essere attribuito il ruolo di ideatore o di primo protagonista della campagna.

In compenso, Geluck si è schierato subito a favore della balzana idea di Poelvoorde. Affermando che potrebbe far crescere la barba persino al suo Gatto. E questa sì che è una notizia, per gli amici belgi:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: