Best of fumetti spagnoli 2010: review

Si diceva di alcune selezioni e/o playlist dei migliori fumetti USA del 2010: ne avevo parlato qui.

Meno banalmente, oggi parliamo di fumetti in Spagna. Parrà strano, ma nonostante le tante prossimità culturali e linguistiche, di tebeos si parla sempre pochissimo, nella fumettosfera italiana (e non solo). Tanto per farvi un’idea su cosa è successo nell’anno passato, allora, ecco qua una semplice “link review” in tre tappe.

>1 La Carcel de papel ha una mini-tradizione: si rivolge ai suoi lettori (commenti, facebook, twitter e mail). I fumetti spagnoli presenti in questa selezione/sondaggio sono 5, e includono il vincitore. Che ha stravinto, anche contro il ‘big internazionale dell’anno’, Asterios Polyp. L’inverno del disegnatore – che sarà tradotto in Italia da Tunué – pare a tutti gli effetti come il “libro della maturità” per Paco Roca, e un fumetto-sulla-storia-del-fumetto (e della Spagna) che ha colpito nel segno i fumettòfili iberici:

  • El invierno del dibujante, de Paco Roca
  • Ken Games 3, de Robledo y Toledano
  • Autobiografía no autorizada 3, de Nacho Casanova
  • Blacksad 4, de Guarnido y Canales
  • Todo el polvo del camino, de Antunes y Martín

>2 Il blog BDteca del quotidiano La Voz de Galicia si affida alle playlist degli autori, convocando Antonio Seijas, David Rubín, Alberto Guitián, Kiko da Silva, Alberto Vázquez, Ed Carosía, Dani Montero. Risultato: una curiosa playlist ‘regionale’, che affianca le scelte dei migliori fumetti nazionali a quelli internazionali e…galiziani. Chi ne esce il più citato? El invierno del dibujante di Paco Roca. Citati qua è là anche il solito piacevole Blacksad e il Rato di Jano (anche se certo, non è il Kaz di Underworld). Scoperta: non sapevo nulla di Save our souls, di Felipe Almendros (Apa Apa comics). Infine, aneddoto: Sejijas cita Exterior Noche di Gipi (Sins Entido).

>3 E poi c’è il blog Littlenemo’s kat. Che fa una sintesi molto più ragionata, personale, e pimpante. Perché pur riconoscendo gli attributi del must-read a Roca o Blacksad, va un po’ oltre il “consensus critico” cui girano intorno gli altri. E mi ha suscitato non poche curiosità. A partire dal fumetto spagnolo che ha scelto di ‘incoronare’: Hervir un oso, di Jonathan Millán e Miguel Noguera (Belleza Infinita).

 

Bonus video. Qui un’animazione di Felipe Almendros:

E qui una tratta da Il Rato:

Una Risposta

  1. Mi permetto di aggiungere:
    -Jazz Maynard 3 Deluxe editon
    -Odi’s Blog
    -El arte de volar ( che ha vinto un sacco di premi)

    Ce ne sono tanti altri, cercherò di darne maggiore notizia sul mio blog.

    Bel post, complimenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: