estate, zanzare, ipad

E’ arrivata l’estate. Anche a Milano. Sintomo inequivocabilmente meneghino: moltiplicazione delle zanzare. Anche in casa.

Per questo ho deciso, una volta tanto, di comportarmi da early adopter. In caso di insuccesso (per manifeste Apple-incapacità), ringrazio quindi Singloids per il seguente suggerimento:

Colgo l’occasione per fare – come promesso – un aggiornamento sull’andamento delle Apps fumettistiche – sia a pagamento che gratuite – per iPad, così come presentate dall’App Store italiano. Come è noto, le apps di fumetto sono parte della categoria “Libri”. Ecco le prime 20 della categoria, oggi:

I tre Libri più venduti, dunque, sono proprio fumetti. E di produzione italiana: il ‘classico’ Sturmtruppen di Bonvi, e Cotus e Leon di Gaston e Giordano. Oltre i primi 10, alcuni graphic novel: 11° Il Maestro di Laprovitera e Pascutti, e 13° Metauro del buon Michele Petrucci. La strip che avete letto in questo post, Singloids dei Persichetti Bros, è pure presente su iPad (18°). Arrivano poi il graphic novel Guardami più forte (23°, di Silvi/Russo), la app AVE!Comics (24°), il reader Comic Viewer (33°), la striscia Singloids V2 (39°) e un altro graphic novel, Ti sto cercando (40°, di Marchese/Patané). In totale, 11 applicazioni nelle prime 40, ovvero – escludendo l’ibrido Comic Viewer – il 25% delle apps “Libri” più vendute.

Tra le apps gratuite, al 3° posto troviamo la Marvel App, e a seguire altre branded apps o readers come la recentissima DC Comics App (12°), ComiXology (14°), ComicBookLovers (25°), BOOM Studios Comics (28°), iVerse Comics (38°), IDW Comics (41°). Troviamo inoltre anche qualche graphic novel o serie americana: Star Trek (17), Twilight (19), Do androids dream of electric sheep? (30), e il manga Mahiru Angel (37). Anche qua, dunque, circa il 25% delle apps sono fumetti, o apps abilitatrici al loro acquisto e lettura.

Nella classifica generale dell’App store, tuttavia, una sola (Marvel) entra tra le 20 apps gratuite più scaricate, al 16° posto. Nessuna compare invece tra le prime 20 a pagamento.

Comunque sia, è ancora presto per parlare di vere e proprie tendenze.

Il catalogo delle apps fumettistiche comprende ancora, almeno dal punto di vista dell’App Store italiano, un catalogo limitatissimo (anche la narrativa langue, coi grandi editori che si preparano – senza fretta, ché serpeggia una certa fifa… – al prossimo autunno). E l’effetto che vediamo è una comprensibile distorsione, rispetto alla reale rilevanza dei prodotti sul mercato.

In questo contesto continuano a primeggiare prodotti free improbabili (la qualità dei fumetti gratuiti grida vendetta…) e prodotti pay che, nel mercato ‘fisico’, non sono certo – Sturmtruppen escluso – quelli che si chiamano “valori forti”. Autori o titoli che siano.

Ma l’arena è interessante. E in rapido mutamento. Continueremo a seguirla.

Annunci

Una Risposta

  1. […] periodiche statistiche che il fumettologo Matteo Stefanelli presenta sul suo blog stanno a certificarci questo riscoperto […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: